Visto da qui. Progetto lettura ostacolata

8′ 50”, colori, sonoro, 2004

 

Ho messo a punto alcuni “esercizi” che mirano a rendere difficile ma non impossibile la lettura di un testo, tramite speciali marchingegni  appositamente studiati.  Nel riprendere le varie situazioni, si è fatta particolare attenzione ai singoli modi di reagire degli individui e alle dinamiche relazionali tra le persone.  La lettura che ne risulta tradisce nel tono e nell’accento la difficoltà a comprendere anche  il senso della frase.

Ho messo a punto alcuni “esercizi” che mirano a rendere difficile ma non impossibile la lettura di un testo, tramite speciali marchingegni  appositamente studiati.  Nel riprendere le varie situazioni, si è fatta particolare attenzione ai singoli modi di reagire degli individui e alle dinamiche relazionali tra le persone.  La lettura che ne risulta tradisce nel tono e nell’accento la difficoltà a comprendere anche  il senso della frase. Per comprensione intendo non solo l’aspetto razionalistico, ma anche quello emotivo, nel senso di far propria, di con-prendere la realtà. Tutti noi ci sforziamo di comprendere la realtà  e questo sforzo ci porta  evidentemente ad una effettiva maggiore comprensione, che è tuttavia pur sempre  relativa, perché  siamo “sempre in assenza di argomenti assolutamente determinanti” e perché  “qualsiasi conoscenza del reale è una conoscenza incompleta”. L’umano sforzo della comprensione della realtà ha inizio con la nascita e ci accomuna tutti. Ecco quindi la voce finale di bimbo in cui si percepisce tutto lo sforzo volenteroso e commovente di comprendere il testo che gli è dato leggere.  La lettura stentata, l’unica umanamente possibile,  è anche generatrice di  interpretazioni possibili.

 

SAPENDO INCONSAPEVOLMENTE

di Angela Vettese

 

Da anni, con calma e determinazione, Mariateresa Sartori conduce un lavoro che si centra tecnicamente sul video ma che non si arena all’interno di questo lessico. Il filo conduttore di opere anche molto diverse è anzitutto, ai miei occhi, la loro capacità di raccontare delle storie e di portarle a oscillare tra il microevento e un afflato epico. Peraltro la cifra stilistica dell’artista è una secchezza che non concede alla narrazione che i suoi tratti sintetici, anche quando essa si prolunghi nel tempo. Non c’è spazio per un sentimentalismo evidente, anche se questi documenti aprano voragini di emozioni – riso, attenzione, coinvolgimento, inmedesimazione e così via.

L’artista ha il merito di congiungere istanze morali con accenni alla ricerca scientifica e in generale con la conoscenza: il vero punto di svolta per la storia umana recente, ma soprattutto per quella futura ed in misura che stentiamo a immaginare.

Lo sforzo appare quello di fotografare gli uomini comuni, e attraverso di loro l’uomo nella sua generalità, mentre cercano di capire ciò che vivono: attraverso la scienza, attraverso il senso dell’orientamento, attraverso l’aggregazione in gruppi e i legami di gruppo più o meno forzati. La comprensione del mondo che riusciamo a raggiungere è peraltro forzatamente incompleta e destinata a comportarsi come un asintoto, una parabola che non può  giungere a toccare la linea verticale a cui  tende. Così capiamo senza capire, decidiamo senza avere gli elementi per farlo, agiamo sostanzialmente nel buio.  Ciò che è accaduto su scala filogenetica, alla specie, ovvero la sempre maggiore comprensione del mondo che ci attornia, accade anche su scala ontogenetica nello sviluppo del bambino; peraltro l’evoluzione del sapere comune così come l’educazione individuale sono i compiti più gravosi a cui l’umanità si sottopone, sapendo inconsapevolmente –  e si perdoni un inevitabile ossimoro, che è la medesima chiave del lavoro di Mariateresa Sartori – che questo è l’unico mezzo di difesa. Come gruppi e come individui, nei differenti momenti della storia e nei luoghi della geografia più disparati, impariamo a imparare in modo volenteroso, impegnato, accanito e per questo commovente. Citare nelle maniere più diverse la continua tensione a superare un limite invalicabile è ciò che, in questo lavoro, rende conto dell’eroica grandezza di un’umanità piccola e incerta.

Angela Vettese

2013-05-20T11:08:42+00:00

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close